Implosion – M. J. Heron

30 Ago

Titolo: Implosion

Autore: M. J. Heron

Editore: De Agostini

Prezzo: 9,90 € (cartaceo), 4,99 € (ebook)

Voto: 

Trama: Non è affatto un giorno come un altro. Il destino ha premuto il tasto on. Quando Katherine incontra Armand per la prima volta non sa che dietro le sembianze del bello e dannato si cela uno dei più potenti generali dell’Antica Stirpe dei Kurann. Non può immaginare che sarà proprio lui la sua salvezza, o la sua rovina. Armand ha un piano crudele, spietato, oscuro come le tenebre. Non è l’unico a nascondere la minaccia di un segreto inconfessabile o gli echi di un passato maledetto. Una verità agghiacciante sta per essere svelata. Nessuno può permettersi di fallire, nessuno è più al sicuro. Una sola certezza: quando supera se stesso, l’amore può uccidere. Se nulla è come sembra, come fai a scegliere la strada giusta? Un paranormal fantasy, dark e romantico al tempo stesso, in cui gli eventi si susseguono al ritmo di un thriller. (Dal sito dell’editore)

Recensione: Come avevo accennato nell’Anteprima #7, la trama mi incuriosiva perché volevo assolutamente scoprire quale fosse il segreto di Armand. In più non avevo mai sentito parlare di “paranormal fantasy” visto che per me sembra ovvio che se c’è del paranormale, allora si parla di fantasy o, più in generale, di fantastico. Avevo un sospetto e devo dire che ho avuto la conferma, Implosion è un paranormal romance 😉 Ma bando alle definizioni, abbiamo una storia d’amore, un thriller e un urban fantasy in un libro, cosa posso volere di più?

Devo dire che la storia e la trama sono ben studiate e personalmente l’ho trovata piuttosto originale. Abbiamo da una parte i “kurann”, un popolo dotato di poteri soprannaturali, molto simili a quelli dei vampiri, ma con qualcosina in più sotto certi aspetti e tante cosine in meno sotto altri. A parer mio, la Heron avrebbe potuto fare a meno di aggiungere come loro caratteristica la sete di sangue, giovando così all’intera storia. Dall’altra abbiamo gli umani, con alcuni esemplari davvero perfidi che potrebbero fare concorrenza ai mostri peggiori.

Si tratta di un romanzo “corale”, ossia la storia ci viene raccontata dal punto di vista di diversi personaggi, spostandoci per la maggior parte da quello di Katherine a quello di Adam, del padre di Katherine e del prigioniero (non faccio nomi per non spoilerare). Perfino i personaggi secondari entrano in scena e ci raccontano quello che succede loro. Il cambio del punto di vista è ben gestito dall’autrice, che dimostra di padroneggiare la tecnica piuttosto bene, anche se a volte si perde in infodump troppo lunghi e le sfuggono piccole cosette che fan sì che il lettore si accorga di avere davanti il romanzo di un’autrice piuttosto giovane nell’ambito della scrittura.

Resta comunque un romanzo molto piacevole da leggere, con scene delicate e commoventi che si interpongono a scene veramente crude, soprattutto quelle riguardanti il laboratorio. Mi piace come Heron è riuscita a gestire la trama, che a ben vedere, non è per niente semplice, bensí abbastanza articolata e ben strutturata, in modo da non diventare quasi mai noiosa.

Lettura intrigante anche se a volte un po’ troppo melensa. Ma qui si parla di gusti.

Red

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: