Tag Archives: Ariel tachna

Inseguire le stelle – Ariel Tachna

18 Mag

Titolo: Inseguire le stelle

Autore: Ariel Tachna

Editore: Dreamspinner Press

Prezzo: 6,99 $ (ebook)

Voto:

Trama: Il ventenne Chris Simms riesce a malapena a mantenersi a galla. Dopo aver perso la madre e la casa, si trova a dover provvedere da solo a se stesso e al fratello minore. Quando è attaccato da un branco di teppisti omofobi, Chris pensa che la sua vita sia ormai giunta alla fine, ma viene salvato da alcuni uomini che lavorano in un allevamento di pecore della regione. La sorpresa di sentirsi offrire un lavoro è superata solo dallo scoprire che il proprietario e il sovrintendente della stazione formano una coppia gay.

Per Chris la stazione di Lang Downs è un sogno, che migliora ancora quando scopre che il ragazzo per il quale ha un debole è non solo gay, ma anche disposto a spassarsela un po’. Tutto sembra procedere al meglio, fino a che Chris non si rende conto che i suoi sentimenti per Jesse sono molto più profondi di quanto previsto dal loro accordo.

Jesse ama la vita randagia e passa di stazione in stazione, senza mai cercare qualcosa di stabile. Convinto che Chris sia troppo giovane e fragile per una relazione seria, decide di fare in modo che la loro rimanga una relazione occasionale. Tuttavia, posto di fronte al tipo di rapporto che lega il proprietario della stazione al suo sovrintendente, comincia a valutare la possibilità di fermarsi anche lui a Lang Downs; almeno finché non si accorge dei sentimenti che Chris nutre per lui e piomba nel panico. I due ragazzi dovranno quindi decidere se darsi un’occasione, possibilmente prima che la fine dell’estate li separi.

Recensione: Avevo già recensito qui il primo capitolo di questa serie, dando il massimo dei voti. Non nego di aver avuto delle aspettative piuttosto elevate nei confronti di Inseguire le stelle, ma non sono stata delusa. Fin dalle prime pagine si viene catapultati nell’azione, l’incontro tra i vecchi protagonisti e Chris non è dei più tranquilli, visto che il ragazzo, appena ventenne, viene picchiato in quanto gay.

Ho amato questo libro fin dai primi capitoli, nello specifico ho trovato estremamente profonda e realistica la parte in cui Macklin cerca di convincere Chris ad andare alla stazione con loro. Si tratta di un romanzo da non sottovalutare bollandolo semplicemente come romance, perché tra le pagine vengono trattati argomenti di una notevole profondità, ma tornerò su questo punto più tardi.

Chris è un bel personaggio: testardo come un mulo, passionale, orgoglioso. L’autrice si conferma in grado di creare personaggi estremamente realistici, positivi ma pieni di difetti che li rendono ancora più vivi, ed è un discorso che vale anche per i personaggi secondari, come il cuoco aborigeno Kami o Neil, personaggio che ha subito una profonda trasformazione, visto che l’avevamo inizialmente visto come un omofobo dalla mentalità chiusa. Mi è piaciuto molto anche Jesse, l’altro protagonista, ma personalmente ho un debole per Chris, visto che in più di una situazione si è comportato esattamente come avrei fatto io. La storia tra i due nasce in modo molto naturale e realistico, anche se in realtà all’inizio più che di storia bisognerebbe parlare di un’amicizia abbastanza passionale, se capite cosa intendo.

Se avete amato Caine e Macklin, avete un motivo in più per leggere questo libro, visto che viene data una grandissima importanza anche a loro. Sia perché spesso Chris e Jesse finiranno per avere bisogno dei loro consigli, sia perché anche la loro storia d’amore si evolverà ulteriormente.

I personaggi sono estremamente realistici anche e soprattutto per l’evoluzione che compiono nel corso delle pagine: Chris deve crescere e diventare indipendente, Jesse deve capire ciò che vuole davvero dalla vita, Macklin deve imparare a sapersi fidare ciecamente del proprio compagno.

Ultima nota di merito per la traduzione, davvero ottima, così come lo era quella di Ereditare il cielo.

Vi consiglio vivamente questo romanzo (e il precedente, ovviamente) perché non si parla solo di amore, ma anche di indipendenza, famiglia e amicizia. Se siete in cerca di un romance con una storia appassionante in grado anche di far riflettere, allora questo è il libro che fa per voi.

Lake

Ereditare il cielo – Ariel Tachna

29 Ago

Titolo: Ereditare il cielo

Autore: Ariel Tachna

Editore: Dreamspinner Press

Prezzo: 6,99 $ (ebook)

Voto:

Trama: Caine Neiheisel è intrappolato in un impiego senza prospettive e alla fine di una relazione che di prospettive non ne ha più, quando all’improvviso gli si presenta l’occasione di una vita: sua madre eredita un allevamento di pecore nel Nuovo Galles del Sud, Australia. Per Caine è l’occasione di ricominciare, là in mezzo ai pascoli, dove la sua balbuzie non sarà più un ostacolo e dove la sua voglia di lavorare potrà certamente compensare la mancanza di esperienza.

Sfortunatamente, però, il sovrintendente di Lang Downs, Macklin Armstrong, che dovrebbe essere il suo più grande alleato, alterna momenti di freddezza ad altri di chiaro disprezzo. Gli altri membri della squadra, invece, sono più interessati al suo accento americano che impressionati dalla sua situazione… fino a che non scoprono che Caine è gay, e allora il divertimento si trasforma in disprezzo. Sarà necessaria tutta la sua determinazione – e un crudele atto di sabotaggio da parte di un vicino ostile – per unire gli uomini di Lang Downs e dare a Caine e Macklin la possibilità di scoprire l’amore.

Recensione: Si dice che il primo amore non si scordi mai. Nel mio caso, il mio primo amore con la Dreamspinner Press, casa editrice nota a chi legge letteratura M/M, è stato Nuvole e Pioggia di Zahra Owens, primo romanzo di una serie che si svolge principalmente in vari ranch. Non ero mai stata molto appassionata alle storie di cowboy, ma la Owens mi aveva fatto cambiare idea. Quando ho scoperto che stava per uscire il primo libro di una nuova serie con cowboy australiani, ho sperato di rivivere le emozioni del mio primo amore. XD
Ho divorato Ereditare il Cielo (titolo splendido, eh?) in mezza giornata. Aveva tutte le carte in regola per piacermi ed è arrivato dritto tra i miei M/M preferiti. Ora vi dico perché!
Il protagonista, Caine, è un gran bel personaggio: si scopre qualcosa su di lui già leggendo la quarta, quindi non mi metto a raccontarvi ciò che già saprete. Vi posso dire però che la sua balbuzie lo rende un personaggio complesso al punto giusto pur senza risultare talmente pieno di difetti da essere esagerato. Anche Macklin mi è piaciuto molto, perché neppure lui è un personaggio perfetto. Una delle cose che ho apprezzato di più di questo romanzo è la storia d’amore che si sviluppa in maniera molto lenta, non aspettatevi un amore istantaneo, anzi, dovrete attendere un bel po’ di pagine anche per un singolo bacio! Questa è una delle cose che mi hanno colpita di più. Non ho niente contro gli amori istantanei, tanto meno contro le passioni istantanee, ma preferisco di gran lunga gli amori nati lentamente.
Tutto in questo libro avviene con i tempi giusti: per Caine non è affatto semplice conquistarsi il rispetto dei suoi dipendenti e anche questa parte della trama viene ben affrontata, non solo perché il protagonista apporta delle migliorie sensate al business avviato da nonno, ma anche perché sono migliorie davvero collegate ai suoi studi e al suo passato, insomma, Caine si conferma un personaggio credibile.
Una particolarità che mi ha stupito (positivamente) in questo libro è il romanticismo molto misurato, i personaggi non si dichiarano amore ogni due secondi, e mi è piaciuto perché l’ho trovato adeguato al carattere dei protagonisti.
Inoltre i personaggi secondari sono ben caratterizzati, in particolare ho adorato Kami, il cuoco aborigeno. L’unica cosa insignificante su cui ho un pochettino-ino da ridire è l’assenza di personaggi femminili significativi, ma non è un reale problema.
Le atmosfere australiane sono molto ben rese, mi chiedo se l’autrice sia stata davvero nell’outback australiano, perché a giudicare dalle descrizioni mi sembra proprio di sì!
Aggiungo poi che la traduzione era da dieci e lode a parer mio: non credo che sia stato semplice tradurre un libro del genere mantenendo le differenze linguistiche tra i due protagonisti. Non ho trovato niente da segnalare, l’ho trovata proprio un’ottima traduzione in grado di mantenere quello che era lo spirito originale del romanzo.
Insomma, concludo dicendo che l’ho trovato un ottimo libro che consiglio soprattutto a chi ama le storie non troppo dolci.
Lake

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: