Tag Archives: chick-lit

Dal primo istante – Mhairi McFarlane

8 Ago

dal primo istante mhairi mc farlaneTitolo: Dal primo istante

Autore: Mhairi McFarlane

Editore: Fabbri Editori

Prezzo: 14,90 € (cartaceo) 6,99 € (ebook)

Voto: 

Trama: Rachel e Ben. Ben e Rachel. Inseparabili dal loro primo incontro. Complici, amici. Forse qualcosa di più. Ma sembrano destinati a incontrarsi sempre nel momento sbagliato: quando erano all’università, lei stava con un altro. Poi il destino aveva preso una piega diversa. Per dieci anni non si sono più visti. Eppure, quando in un giorno di pioggia vanno a sbattere l’uno contro l’altra, è come se tutto quello che entrambi hanno cercato di dimenticare tornasse prepotentemente a galla. Anche adesso che hanno trent’anni e una vita da adulti (lei è giornalista, lui avvocato), ritrovano in un attimo quel la sintonia che già all’università era molto più di una grande amicizia. C’è solo un piccolo problema: ora è Ben a essere sposato. Questo nuovo incontro costringerà entrambi a fare i conti col passato e soprattutto con le loro paure. Può il vero amore bussare alla porta una seconda volta?
Spassoso, ironico e struggente, “Dal primo istante” è una grande storia d’amore che racconta quello che tutti noi abbiamo desiderato almeno una volta nella vita: un’altra possibilità. Tra mille colpi di scena e momenti di rara comicità, vi terrà col fiato sospeso fino all’ultima pagina. Dopo di che, probabilmente, andrete a ripescare da una vecchia agenda il numero di una persona speciale… (Dalla quarta di copertina)

Recensione: Vi avevo già accennato a “Dal primo istante” nell’Anteprima #4 e mi stava piacendo moltissimo. Rispetto a quel giorno, la mia idea è un po’ cambiata.

Il titolo originale dell’opera è “You had me at hello”, frase abbastanza intraducibile. Una mia nota negativa riguarda proprio il titolo, ben tradotto dalla casa editrice, che ha mantenuto il senso, ma non l’ho trovato molto adatto. La protagonista di questo romanzo chick-lit è Rachel, trentenne sul punto di sposarsi con il fidanzato storico. La narrazione vede l’alternarsi di presente e passato in modo molto riuscito. Rachel, detta anche Rach o Danny (per motivi che scoprirete leggendo il libro), è un personaggio simpaticissimo. Fa un sacco di battute (anche squallide o non-sense) che mi hanno fatto morire dal ridere e con una narratrice del genere è impossibile annoiarsi. Inoltre è anche un personaggio con dei valori morali, quindi l’ho trovato riuscito anche in questo senso, perché non solo è tremendamente simpatica, è anche in grado di insegnare qualcosa al lettore. Rachel, infatti, ha il coraggio di abbandonare una relazione non riuscita a un passo dal matrimonio, fa la giornalista ma non è priva di scrupoli sul lavoro (pur non essendo perfetta, anzi), dà molta importanza alla vera amicizia.

Il motivo per cui mi sono divertita leggendo questo libro non è soltanto la voce narrante di Rachel: l’autrice è stata bravissima nel creare scambi di battute con i personaggi secondari e situazioni che mi hanno strappato più di una risata. Tra l’altro l’ho trovata davvero capace perché pur narrando in prima persona è riuscita a nascondere un segreto della stessa Rachel in maniera che non mi è apparsa affatto forzata.

E allora, potreste chiedervi, perché ho cambiato idea rispetto a quando ve ne ho parlato nell’anteprima? Semplice: il libro mi stava piacendo molto, ma nelle ultime centocinquanta pagine (più o meno) succede di tutto e di più e diventa ancora più divertente e interessante, quindi il voto è schizzato fino alle cinque stelline, perché se già prima era davvero un bel libro, poi è diventato un ottimo libro.

Tra l’altro ho trovato molto positivo il messaggio di fondo: non è mai troppo tardi per provare a essere felici.
Insomma, se vi piace il genere non potete proprio perdervelo.

Lake

Annunci

C’ero una volta – Lulù Librandi

1 Ago

c'ero una volta lulù librandiTitolo: C’ero una volta

Autore: Lulù Librandi

Editore: Fazi Editore

Prezzo: 13 € (cartaceo), 2,99 € (ebook)

Voto:

 

Trama: Maria Luigia Librandi, detta Lulù, si sveglia una mattina in una clinica senza alcun ricordo né di sé né del proprio passato. Accanto al letto, solo una favolosa Birkin di Hermès in pelle di coccodrillo, rosa, con un’esplicita richiesta di perdono. Grazie all’aiuto di Andrea Martini, fascinoso medico quarantenne, Lulù comincerà a riscoprire la propria vita: dal periodo come fuorisede dopo lo spaesante arrivo nella capitale al presente come avvocato d’affari per un importante studio legale. Attraverso gli incontri organizzati dal dottore, un pezzo alla volta riaffiorerà l’identità della ragazza e dall’oblio riemergerà anche il rapporto con lui, Alessandro Malaspina, «presuntuoso, arrogante e sull’autocelebrativo andante», da cui Lulù, pur continuamente in fuga, si era sempre sentita attratta. Nel frattempo, alcune domande fondamentali affollano la mente della protagonista: è soddisfatta della propria vita? È stata lei a cercare di voler dimenticare qualcosa? E chi è la donna elegantissima che l’aspetta nel corridoio su tacchi Louboutin implorando di incontrarla? Le note di A Te di Jovanotti che una mattina raggiungono Lulù (sempre avvinghiata alla sua Birkin) la aiuteranno a ricomporre il puzzle della situazione. All’improvviso niente è più come sembra, neppure chi la circonda. (Dal sito dell’editore)

Recensione: C’era una volta è stato definito il romanzo della “Kinsella made in Italy”. In parole povere, quindi, un chick-lit all’italiana. Mi è capitato di leggere libri di italiani che sembravano voler imitare per forza gli stranieri, risultando niente più che una brutta copia. Temevo che questo romanzo potesse essere così. In questo caso, invece, l’ambientazione italiana è stata sfruttata fino a diventare un punto di forza. I dialetti, le differenti tradizioni di nord e sud, i luoghi di Roma… Tutto ciò e molto altro aggiunge qualcosa in più che manca nei chick-lit stranieri. Come italiana, ho percepito l’ambientazione con maggiore intensità, cogliendo tutti quei particolari tipici del nostro paese.

A parte questo, la storia è molto originale e ben scritta. L’alternarsi di presente e flashback è reso molto bene; la protagonista non sa molto più del lettore riguardo al proprio passato, quindi io e Lulù siamo venute a conoscenza di molte cose allo stesso momento. Quanto ai personaggi, devo dire di aver apprezzato molto alcuni di quelli secondari particolarmente riusciti, come Donato, di cui mi ricordo maggiormente. Ho trovato adorabili lui e Lulù.

Paradossalmente, il personaggio che mi ha convinta di meno è stato proprio Lulù: nel corso della storia, cambia da trasandata a modaiola, ma l’ho trovato un cambiamento troppo brusco, le motivazioni alla base di tutto ciò mi sono sembrate insufficienti, e anche per questo motivo non sono riuscita a empatizzare.

Definirei lo stile del romanzo abbastanza colloquiale: punteggiatura multipla, molte maiuscole, molti puntini di sospensione e così via. Nel complesso non mi ha dato particolare fastidio, considerando i toni della storia.

C’ero una volta, nel complesso, è molto divertente. A mio parere la parte umoristica prevale su quella sentimentale, che comunque ho apprezzato, soprattutto a causa del misterioso personaggio di cui si innamora Lulù. Ci sono dei capitoli che mi hanno fatto rischiare di svenire per le risate, uno su tutti Extreme Makeover. In quel capitolo il libro raggiunge la vetta più alta del divertimento.

È un libro che consiglierei soprattutto a chi ha voglia di farsi qualche risata, perché il punto di forza del romanzo è proprio il far ridere e divertire.

Lake

Anteprima #4

24 Lug

IN LETTURA
dal primo istante mhairi mc farlaneDal primo istante di Mhairi McFarlane

Trama: Rachel e Ben. Ben e Rachel. Inseparabili dal loro primo incontro. Complici, amici. Forse qualcosa di più. Ma sembrano destinati a incontrarsi sempre nel momento sbagliato: quando erano all’università, lei stava con un altro. Poi il destino aveva preso una piega diversa. Per diecianni non si sono più visti. Eppure, quando in un giorno di pioggia vanno a sbattere l’uno contro l’altra, è come se tutto quello che entrambi hanno cercato di dimenticare tornasse prepotentemente a galla. Anche adesso che hanno trent’anni e una vita da adulti (lei è giornalista, lui avvocato), ritrovano in un attimo quel la sintonia che già all’università era molto più di una grande amicizia. C’è solo un piccolo problema: ora è Ben a essere sposato. Questo nuovo incontro costringerà entrambi a fare i conti col passato e soprattutto con le loro paure. Può il vero amore bussare alla porta una seconda volta?
Spassoso, ironico e struggente, “Dal primo istante” è una grande storia d’amore che racconta quello che tutti noi abbiamo desiderato almeno una volta nellavita: un’altra possibilità. Tra mille colpi di scena e momenti di rara comicità, vi terrà col fiato sospeso fino all’ultima pagina. Dopo di che, probabilmente, andrete a ripescare da una vecchia agenda il numero di una persona speciale… (Dalla quarta di copertina)

Cosa ne penso per ora: Questa è già la mia terza anteprima e le altre due volte avevo segnato come “in lettura” due libri che non mi stavano convincendo, infatti non li ho ancora(?) finiti. Al momento, invece, “Dal primo istante” mi sta piacendo tantissimo e non credo che cambierò idea più di tanto, da qui alla fine. Si tratta di un chick-lit con una protagonista simpaticissima, pieno di battute divertenti. Al momento non posso che parlarne bene, è davvero un libro valido.

DA RECENSIRE
colpo di fulmine jennifer bosworthColpo di fulmine di Jennifer Bosworth

Trama: Mia Price è drogata di fulmini. E sopravvissuta a infinite scariche elettriche, ma la sua dipendenza dall’energia scatenata dai temporali mette in pericolo la sua vita e la vita di chi le sta intorno. Per questo si sente tranquilla a vivere a Los Angeles, perché i temporali sono rarissimi. Ma quando un terremoto devasta la città, il posto che lei credeva il più sicuro al mondo si trasforma letteralmente in un inferno. Le spiagge diventano gigantesche tendopoli e il centro è una terra perduta dove spadroneggiano bande di saccheggiatori e assassini. Due gruppi di fanatici si contendono il governo della città ed entrambi vedono in Mia una conferma alle loro concezioni apocalittiche, perché credono che Mia sia connessa alla tempesta elettrica che ha preceduto il terremoto e che si ripresenterà ancora più letale. Mia vorrebbe potersi fidare di Jeremy, affascinante ed enigmatico, che ha promesso di proteggerla e verso il quale si sente attratta da una forza e una passione irresistibili, ma dentro di sé teme di essere ingannata. E solo quando tutto sembra perduto e la catastrofe finale sta per abbattersi sulla città, Mia capirà come usare il suo potere per salvare le persone che ama. E capirà se Jeremy la ama davvero… (Dalla quarta di copertina)

Lo voglio recensire perché ho letto pareri molto discordanti, ma secondo me è un libro valido. Estremamente originale, sia nell’ambientazione ben descritta che nell’unione di elementi fantascientifici e paranormali. Non mi ha convinta fino in fondo, ma secondo me resta un libro meritevole.

DA LEGGERE
c'ero una volta lulù librandiC’ero una volta di Lulù Librandi

Trama: Maria Luigia Librandi, detta Lulù, si sveglia una mattina in una clinica senza alcun ricordo né di sé né del proprio passato. Accanto al letto, solo una favolosa Birkin di Hermès in pelle di coccodrillo, rosa, con un’esplicita richiesta di perdono. Grazie all’aiuto di Andrea Martini, fascinoso medico quarantenne, Lulù comincerà a riscoprire la propria vita: dal periodo come fuorisede dopo lo spaesante arrivo nella capitale al presente come avvocato d’affari per un importante studio legale. Attraverso gli incontri organizzati dal dottore, un pezzo alla volta riaffiorerà l’identità della ragazza e dall’oblio riemergerà anche il rapporto con lui, Alessandro Malaspina, «presuntuoso, arrogante e sull’autocelebrativo andante», da cui Lulù, pur continuamente in fuga, si era sempre sentita attratta. Nel frattempo, alcune domande fondamentali affollano la mente della protagonista: è soddisfatta della propria vita? È stata lei a cercare di voler dimenticare qualcosa? E chi è la donna elegantissima che l’aspetta nel corridoio su tacchi Louboutin implorando di incontrarla? Le note di A Te di Jovanotti che una mattina raggiungono Lulù (sempre avvinghiata alla sua Birkin) la aiuteranno a ricomporre il puzzle della situazione. All’improvviso niente è più come sembra, neppure chi la circonda. (Dal sito dell’editore)

Lo voglio leggere perché: La trama mi ha subito colpita, così come il titolo, e mi piace l’idea di un chick-lit all’italiana. Si tratta esattamente del tipo di libro che ho voglia di leggere ora!

Lake

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: