Tag Archives: Fazi Editore

Crossed, la fuga – Ally Condie

31 Ott

crossed la fuga ally condieTitolo: Crossed, la fuga

Autore: Ally Condie

Editore: Fazi Editore

Prezzo: 14,90 € (cartaceo), 7,99 € (ebook)

Voto:


Trama: Per Cassia Reyes le regole del gioco sono cambiate. Solo poco tempo prima, un sofisticato sistema informatico creato dalla Società ha scelto come suo promesso Xander, il suo migliore amico: doveva essere il compagno perfetto, ma una macchina non può comandare il cuore. Infatti il ragazzo che lei ama è Ky Markham, una Aberrazione, un individuo che la Società considera pericoloso e indegno di essere promesso a qualcuno. Un errore che proietta Cassia in una nuova dimensione di verità e conoscenza dove può comprendere le mancanze e i difetti del Sistema che governa le loro esistenze. Scoprendo dentro di sé una forza che non sapeva di possedere, Cassia si allontana da un destino già programmato e si mette in viaggio verso le estreme frontiere della nazione per ricongiungersi a Ky, che è stato rapito e portato nei campi di lavoro dove la Società confina coloro che non ritiene idonei. Il percorso di Cassia sarà duro e pieno di ostacoli, ma proprio quando ogni speranza di rivederlo sembra perduta verrà a sapere che Ky si è rifugiato tra i profondi canyon che circondano la Società, luoghi ancora inesplorati dove non c’è traccia di vita umana. È proprio tra quelle gole che la ragazza farà la scoperta che muterà la sua vita e le permetterà di capire che non tutto è perduto e che dentro quel mondo apparentemente immobile e perfetto c’è un seme di cambiamento e di libertà. Una ribellione sta montando, e Cassia sarà finalmente libera di scegliere.

Recensione: Avevo recensito Matched qui e mi era piaciuto tantissimo. La saga della Condie è stata senza dubbio una delle sorprese migliori degli ultimi tempi, non avevo grandi aspettative e l’ho trovata meravigliosa.

Temevo che Crossed non fosse all’altezza del primo, ma… be’, direi che le stelline parlano da sole, no?

In Crossed ritroviamo la Società del primo, ma vista sotto una luce diversa: non più l’apparente utopia di Matched, ma qualcosa di molto più distopico, seppur assolutamente compatibile con l’universo visto prima. La storia d’amore tra Cassia e Ky continua a essere una delle colonne portanti del romanzo, ma il loro rapporto si evolve. Si può dire che in Matched fosse quasi idealizzato a causa dell’impossibilità per i due di stare insieme. In Crossed, invece, i due personaggi si scontreranno con i problemi reali che derivano dallo stare insieme in una società del genere.

Una delle cose che continuo ad adorare della saga è il world building, Visto che la narrazione è in prima persona, conosciamo nuovi aspetti della Società insieme alla stessa Cassia che, per prima, è all’oscuro di molte cose, e l’autrice è brava a non rivelare troppo. Ogni scena, ogni situazione inspiegabile non è mai fine a sé stessa. Ciò che non mi aveva convinta nel primo libro ha trovato una spiegazione nel secondo.

Molte cose, una volta terminata la lettura di Crossed, sono rimaste poco chiare, lasciando spazio a varie mie teorie. Sono sicura che tutto troverà una spiegazione in Reached, che ho intenzione di leggere presto.

L’unica nota davvero negativa non riguarda né la trama, né lo stile dell’autrice, ma la traduzione. Già nel primo c’erano alcune cose che non mi convincevano, in Crossed la situazione è peggiorata: ho trovato qualche frase palesemente senza senso e la scelta di alcuni termini mi ha quasi infastidita. Spero che in Reached la situazione migliori un po’. Ho deciso di dare comunque il massimo perché la storia merita comunque moltissimo e riconfermo ciò che ho già detto e lasciato intendere: questa saga, a parer mio, è la migliore nel genere ed è davvero un peccato che abbia avuto meno successo di altre qui in Italia.

Lake

Annunci

C’ero una volta – Lulù Librandi

1 Ago

c'ero una volta lulù librandiTitolo: C’ero una volta

Autore: Lulù Librandi

Editore: Fazi Editore

Prezzo: 13 € (cartaceo), 2,99 € (ebook)

Voto:

 

Trama: Maria Luigia Librandi, detta Lulù, si sveglia una mattina in una clinica senza alcun ricordo né di sé né del proprio passato. Accanto al letto, solo una favolosa Birkin di Hermès in pelle di coccodrillo, rosa, con un’esplicita richiesta di perdono. Grazie all’aiuto di Andrea Martini, fascinoso medico quarantenne, Lulù comincerà a riscoprire la propria vita: dal periodo come fuorisede dopo lo spaesante arrivo nella capitale al presente come avvocato d’affari per un importante studio legale. Attraverso gli incontri organizzati dal dottore, un pezzo alla volta riaffiorerà l’identità della ragazza e dall’oblio riemergerà anche il rapporto con lui, Alessandro Malaspina, «presuntuoso, arrogante e sull’autocelebrativo andante», da cui Lulù, pur continuamente in fuga, si era sempre sentita attratta. Nel frattempo, alcune domande fondamentali affollano la mente della protagonista: è soddisfatta della propria vita? È stata lei a cercare di voler dimenticare qualcosa? E chi è la donna elegantissima che l’aspetta nel corridoio su tacchi Louboutin implorando di incontrarla? Le note di A Te di Jovanotti che una mattina raggiungono Lulù (sempre avvinghiata alla sua Birkin) la aiuteranno a ricomporre il puzzle della situazione. All’improvviso niente è più come sembra, neppure chi la circonda. (Dal sito dell’editore)

Recensione: C’era una volta è stato definito il romanzo della “Kinsella made in Italy”. In parole povere, quindi, un chick-lit all’italiana. Mi è capitato di leggere libri di italiani che sembravano voler imitare per forza gli stranieri, risultando niente più che una brutta copia. Temevo che questo romanzo potesse essere così. In questo caso, invece, l’ambientazione italiana è stata sfruttata fino a diventare un punto di forza. I dialetti, le differenti tradizioni di nord e sud, i luoghi di Roma… Tutto ciò e molto altro aggiunge qualcosa in più che manca nei chick-lit stranieri. Come italiana, ho percepito l’ambientazione con maggiore intensità, cogliendo tutti quei particolari tipici del nostro paese.

A parte questo, la storia è molto originale e ben scritta. L’alternarsi di presente e flashback è reso molto bene; la protagonista non sa molto più del lettore riguardo al proprio passato, quindi io e Lulù siamo venute a conoscenza di molte cose allo stesso momento. Quanto ai personaggi, devo dire di aver apprezzato molto alcuni di quelli secondari particolarmente riusciti, come Donato, di cui mi ricordo maggiormente. Ho trovato adorabili lui e Lulù.

Paradossalmente, il personaggio che mi ha convinta di meno è stato proprio Lulù: nel corso della storia, cambia da trasandata a modaiola, ma l’ho trovato un cambiamento troppo brusco, le motivazioni alla base di tutto ciò mi sono sembrate insufficienti, e anche per questo motivo non sono riuscita a empatizzare.

Definirei lo stile del romanzo abbastanza colloquiale: punteggiatura multipla, molte maiuscole, molti puntini di sospensione e così via. Nel complesso non mi ha dato particolare fastidio, considerando i toni della storia.

C’ero una volta, nel complesso, è molto divertente. A mio parere la parte umoristica prevale su quella sentimentale, che comunque ho apprezzato, soprattutto a causa del misterioso personaggio di cui si innamora Lulù. Ci sono dei capitoli che mi hanno fatto rischiare di svenire per le risate, uno su tutti Extreme Makeover. In quel capitolo il libro raggiunge la vetta più alta del divertimento.

È un libro che consiglierei soprattutto a chi ha voglia di farsi qualche risata, perché il punto di forza del romanzo è proprio il far ridere e divertire.

Lake

Warm Bodies, L’amore prende vita – Isaac Marion

29 Lug

Titolo: Warm Bodies – L’amore prende vita

Autore: Isaac Marion

Editore: Fazi Editore (Lain)

Prezzo: 14,50 € (cartaceo), 4,99 € (ebook)

Voto:

Trama: R è un ragazzo in piena crisi esistenziale: è uno zombie. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, ma nutre molti sogni. La sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, ma dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un giorno, mentre ne divora il cervello, R assaggia i ricordi di un ragazzo. Di lì a poco, per lui cambierà ogni cosa; intreccia una relazione con la ragazza della sua vittima, Julie, e sarà per lui un’esplosione di colori nel paesaggio grigio e monotono che lo circonda. Perché l’amore per lei lo trasformerà in un uomo (e in un morto) diverso, più combattivo e consapevole. Di qui avranno inizio una guerra feroce contro i suoi compagni d’un tempo e una rinascita dalle conseguenze inimmaginabili. (Dal sito dell’editore)

Recensione: Non sono mai stata una grande amante dei libri con gli zombie. Gli unici di cui ho letto qualcosa sono stati quelli di Laurell K. Hamilton e della sua saga sulla cacciatrice di vampiri, Anita Blake. Quindi è la prima volta che leggo un libro in cui so di trovare solo zombie e nessun’altra categoria di mostri. Warm Bodies è un modo gentile e divertente di approcciarsi a questo tipo di narrativa.

L’inizio del libro è un misto tra cupo e divertente. Gli zombie hanno fame, e sapete cosa mangiano, giusto? E gli zombie non pensano molto, non parlano, fanno solo strani versi. Il bello è quando uno zombie racconta di se stesso, di come ciondola mentre cammina e di come non riesce a pronunciare le parole, e lo fa con un tono tanto ironico da strappare una risatina.

All’inizio la cosa mi inquietava un po’, ma non sta bene stare a osservare uno di noi che muore. Ho preferito distrarmi con qualche lamento.

O ancora:

La maggior parte delle trasformazioni avviene per caso, ovvero se uno zombie viene ucciso mentre mangia o se viene distratto in altro modo prima che finisca quello che sta facendo: voro interruptus.

E ve ne metto un’altra, dai:

Delle urla mi svegliano. Spalanco gli occhi e sputo qualche insetto dalla bocca.

Isaac Marion dimostra di avere talento e di saper catturare il lettore. L’inizio, sebbene divertente, parte un po’ lento, ma dopo un po’ il ritmo diventa più incalzante e spesso si è costretti a continuare a leggere per sapere cosa accadrà, quali nuove cose sta per scoprire R.

I personaggi sono caratterizzati molto bene, secondo me, soprattutto R, M, Julie e i due Generali, Grigio e Rosso. Perry è un personaggio un po’ complesso, ma importante per il libro, anche se a volte si perde nei suoi sproloqui, tanto astratti quanto, a volte, profondi. Lo stesso R, pian piano, inizia ad analizzare la sua situazione e quella del mondo che lo circonda in modo sempre più attento.

Ho trovato le voci dei fantasmi che parlavano a R a volte un po’ troppo presenti e molto filosofiche, il che, devo ammettere, da un lato non mi ha infastidita particolarmente, dall’altro i loro discorsi, ogni tanto, erano tirati un po’ troppo per le lunghe. Immagino, però, sia questioni di gusti.

Mi piace come è stato strutturato il romanzo. È diviso in tre passi: Primo passo: volere; Secondo passo: prendere; Terzo passo: vivere.

Questi tre passi spiegano molto su come si evolve il romanzo e soprattutto su cosa si deve fare se si vuole raggiungere la meta.

Un’altra cosa che mi è piaciuta è stata la lunga riflessione, seminata qua e là fra le pagine, sui ricordi e sul ricordare il passato in generale. Questo argomento svolge un ruolo molto importante nel romanzo. Passato-presentefuturo (non è un errore di battitura) sono alla base di tutti i pensieri dei protagonisti. Com’era il passato? Perché il presente è così? Ci sarà un futuro?

Un altro piccolo punto negativo è che alla fine dei conti non ho capito come si siano creati gli zombie. Marion ci dà degli indizi, ma non ci dà risposte certe.

È un romanzo che ho letto con piacere, che mi ha fatto immaginare un mondo disastrato e senza speranza e mi ha fatto vedere la scintilla che sarà in grado di cambiarlo.

Aggiungo un’ultima cosa: ho apprezzato molto le immagini che separano i capitoli all’interno dei tre passi. Parti del corpo umano, muscoli, tendini, crani e altre simili.

Consigliato!

Red

Anteprima #5

26 Lug

IN LETTURA

L’uomo che attraversò il tempo per me, di Francesca Borrione

Trama: Selma è una persona nella quale è impossibile non identificarsi un po’. È una donna che ha sofferto per amore, che si sente inadeguata, incompresa. È una donna che preferisce perdersi nel bianco e nero di un vecchio film invece che affrontare la realtà che la circonda e mostrarsi vulnerabile.
Il suo mondo apparentemente perfetto viene scosso brutalmente quando viene raggiunta al telefono da un uomo misterioso che, attraverso la sua voce e la sua penna, richiamandole alla  memoria l’eroe dei suoi sogni, la spinge a darsi una nuova opportunità e a lasciarsi amare.
Riuscirà Selma a smettere di essere spettatrice e diventare protagonista del grande film che è la sua vita?

Cosa ne penso per ora: Ho avuto un po’ di difficoltà ad abituarmi al fatto che il romanzo sia scritto in prima persona e al presente. Ora va un po’ meglio, ma è sicuramente questione di gusti. Sono ancora all’inizio, ma il tipo al telefono è parecchio intrigante. Ormai non faccio altro che chiedermi “sarà lui?” ogni volta che lei parla con qualcuno. Ho il mio sospettato numero uno, però. Quando scriverò la recensione, vi dirò se ci ho azzeccato o no.

DA RECENSIRE

Gabriel’s Inferno – Tentazione e castigo, di Sylvain Reynard

Trama: Gabriel e Julia sono due anime inquiete. Per lui, qualsiasi trasgressione è lecita, qualsiasi donna è una preda. Tuttavia niente è in grado di placare i demoni del suo passato e la felicità è un sogno irrealizzabile. Perché quella del professore universitario di successo – un’indiscussa autorità negli studi danteschi – è solo una maschera dietro la quale si nasconde uno spirito tormentato. Come Dante, anche Gabriel è circondato da una selva di ricordi e di peccati inconfessabili.
Per Julia, la vita è sempre stata una strada in salita, segnata dalla perdita delle persone che amava e da una relazione sbagliata. Eppure adesso lei ha l’occasione di ricominciare da capo e di dedicarsi allo studio di Dante sotto la guida del celebre – e temuto – professor Gabriel Emerson.
E il loro incontro cambierà tutto. Negli occhi di quell’uomo, profondi e pericolosi come il mare in tempesta, Julia percepisce una disperata richiesta d’aiuto. Negli occhi di quella studentessa, luminosi e puri come quelli di un angelo, Gabriel intravede una promessa di redenzione. Ma lei sarà in grado di guidarlo lungo la «diritta via»? E lui riuscirà a dominare il proprio lato oscuro per abbandonarsi tra le braccia della sua Beatrice?

Lo voglio recensire perché: da una parte ho alcuni punti importanti (secondo me) da criticare, e dall’altra ho adorato il personaggio di Gabriel e quindi sarei tentata di comprare il secondo volume della saga. Prevedo una recensione “tormentata”!

DA LEGGERE

Warm bodies – L’amore prende vita, di Isaac Marion

Trama: R è un ragazzo in piena crisi esistenziale: è uno zombie. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, ma nutre molti sogni. La sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, ma dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un giorno, mentre ne divora il cervello, R assaggia i ricordi di un ragazzo. Di lì a poco, per lui cambierà ogni cosa; intreccia una relazione con la ragazza della sua vittima, Julie, e sarà per lui un’esplosione di colori nel paesaggio grigio e monotono che lo circonda. Perché l’amore per lei lo trasformerà in un uomo (e in un morto) diverso, più combattivo e consapevole. Di qui avranno inizio una guerra feroce contro i suoi compagni d’un tempo e una rinascita dalle conseguenze inimmaginabili.

Lo voglio leggere perché: non ho letto molti libri sugli zombie, ma la trama di questo mi ha incuriosita molto!

Red

Anteprima #4

24 Lug

IN LETTURA
dal primo istante mhairi mc farlaneDal primo istante di Mhairi McFarlane

Trama: Rachel e Ben. Ben e Rachel. Inseparabili dal loro primo incontro. Complici, amici. Forse qualcosa di più. Ma sembrano destinati a incontrarsi sempre nel momento sbagliato: quando erano all’università, lei stava con un altro. Poi il destino aveva preso una piega diversa. Per diecianni non si sono più visti. Eppure, quando in un giorno di pioggia vanno a sbattere l’uno contro l’altra, è come se tutto quello che entrambi hanno cercato di dimenticare tornasse prepotentemente a galla. Anche adesso che hanno trent’anni e una vita da adulti (lei è giornalista, lui avvocato), ritrovano in un attimo quel la sintonia che già all’università era molto più di una grande amicizia. C’è solo un piccolo problema: ora è Ben a essere sposato. Questo nuovo incontro costringerà entrambi a fare i conti col passato e soprattutto con le loro paure. Può il vero amore bussare alla porta una seconda volta?
Spassoso, ironico e struggente, “Dal primo istante” è una grande storia d’amore che racconta quello che tutti noi abbiamo desiderato almeno una volta nellavita: un’altra possibilità. Tra mille colpi di scena e momenti di rara comicità, vi terrà col fiato sospeso fino all’ultima pagina. Dopo di che, probabilmente, andrete a ripescare da una vecchia agenda il numero di una persona speciale… (Dalla quarta di copertina)

Cosa ne penso per ora: Questa è già la mia terza anteprima e le altre due volte avevo segnato come “in lettura” due libri che non mi stavano convincendo, infatti non li ho ancora(?) finiti. Al momento, invece, “Dal primo istante” mi sta piacendo tantissimo e non credo che cambierò idea più di tanto, da qui alla fine. Si tratta di un chick-lit con una protagonista simpaticissima, pieno di battute divertenti. Al momento non posso che parlarne bene, è davvero un libro valido.

DA RECENSIRE
colpo di fulmine jennifer bosworthColpo di fulmine di Jennifer Bosworth

Trama: Mia Price è drogata di fulmini. E sopravvissuta a infinite scariche elettriche, ma la sua dipendenza dall’energia scatenata dai temporali mette in pericolo la sua vita e la vita di chi le sta intorno. Per questo si sente tranquilla a vivere a Los Angeles, perché i temporali sono rarissimi. Ma quando un terremoto devasta la città, il posto che lei credeva il più sicuro al mondo si trasforma letteralmente in un inferno. Le spiagge diventano gigantesche tendopoli e il centro è una terra perduta dove spadroneggiano bande di saccheggiatori e assassini. Due gruppi di fanatici si contendono il governo della città ed entrambi vedono in Mia una conferma alle loro concezioni apocalittiche, perché credono che Mia sia connessa alla tempesta elettrica che ha preceduto il terremoto e che si ripresenterà ancora più letale. Mia vorrebbe potersi fidare di Jeremy, affascinante ed enigmatico, che ha promesso di proteggerla e verso il quale si sente attratta da una forza e una passione irresistibili, ma dentro di sé teme di essere ingannata. E solo quando tutto sembra perduto e la catastrofe finale sta per abbattersi sulla città, Mia capirà come usare il suo potere per salvare le persone che ama. E capirà se Jeremy la ama davvero… (Dalla quarta di copertina)

Lo voglio recensire perché ho letto pareri molto discordanti, ma secondo me è un libro valido. Estremamente originale, sia nell’ambientazione ben descritta che nell’unione di elementi fantascientifici e paranormali. Non mi ha convinta fino in fondo, ma secondo me resta un libro meritevole.

DA LEGGERE
c'ero una volta lulù librandiC’ero una volta di Lulù Librandi

Trama: Maria Luigia Librandi, detta Lulù, si sveglia una mattina in una clinica senza alcun ricordo né di sé né del proprio passato. Accanto al letto, solo una favolosa Birkin di Hermès in pelle di coccodrillo, rosa, con un’esplicita richiesta di perdono. Grazie all’aiuto di Andrea Martini, fascinoso medico quarantenne, Lulù comincerà a riscoprire la propria vita: dal periodo come fuorisede dopo lo spaesante arrivo nella capitale al presente come avvocato d’affari per un importante studio legale. Attraverso gli incontri organizzati dal dottore, un pezzo alla volta riaffiorerà l’identità della ragazza e dall’oblio riemergerà anche il rapporto con lui, Alessandro Malaspina, «presuntuoso, arrogante e sull’autocelebrativo andante», da cui Lulù, pur continuamente in fuga, si era sempre sentita attratta. Nel frattempo, alcune domande fondamentali affollano la mente della protagonista: è soddisfatta della propria vita? È stata lei a cercare di voler dimenticare qualcosa? E chi è la donna elegantissima che l’aspetta nel corridoio su tacchi Louboutin implorando di incontrarla? Le note di A Te di Jovanotti che una mattina raggiungono Lulù (sempre avvinghiata alla sua Birkin) la aiuteranno a ricomporre il puzzle della situazione. All’improvviso niente è più come sembra, neppure chi la circonda. (Dal sito dell’editore)

Lo voglio leggere perché: La trama mi ha subito colpita, così come il titolo, e mi piace l’idea di un chick-lit all’italiana. Si tratta esattamente del tipo di libro che ho voglia di leggere ora!

Lake

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: