Tag Archives: paranormal romance

Anteprima #9

9 Ott

IN LETTURA

gens arcana cecilia randallGens Arcana di Cecilia Randall

Trama: Firenze, 1478. Valiano de’ Nieri è discendente di una delle più antiche e nobili famiglie italiane di Arcani. Essere Arcano significa poter invocare la quinta essentia, il quinto elemento di Natura capace di combinarsi con gli altri quattro – Aria, Acqua, Terra e Fuoco – e di governarli. Il potere arcano è immenso e può determinare le sorti dell’umanità intera: per questo si tramanda solo attraverso il lignaggio del sangue e va protetto e tenuto segreto. Ma Valiano ha rifiutato i suoi poteri e la sua “predestinazione”, è fuggito e cerca di vivere normalmente lavorando come apprendista liutaio. Quando però suo padre Bonconte muore in circostanze misteriose e il suo amato fratello Angelo viene rapito, Valiano capisce di non potersi più sottrarre al proprio destino: il machiavellico cugino Folco de’ Nieri sta scalando il potere all’interno della famiglia e, pur di realizzare la sua ambizione, è pronto a sfruttare una conoscenza proibita – e Valiano deve fermarlo. Sullo sfondo della magnifica Firenze di Lorenzo de’ Medici, le gesta arcane si mescolano a quelle della congiura dei Pazzi in un vortice a cui nulla e nessuno potrà sottrarsi…

Cosa ne penso per ora: Ho trovato questo libro per caso. Coniuga due elementi che mi piacciono moltissimo, il fantasy e il Rinascimento. Credo che ci metterò tanto per leggerlo: è interessante, ma è davvero spesso… Lo ammetto: quelle seicento pagine mi spaventano un po’, in un periodo in cui ho voglia di letture leggere!

DA RECENSIRE

crossed la fuga ally condieCrossed – La fuga di Ally Condie

Trama: Per Cassia Reyes le regole del gioco sono cambiate. Solo poco tempo prima, un sofisticato sistema informatico creato dalla Società ha scelto come suo promesso Xander, il suo migliore amico: doveva essere il compagno perfetto, ma una macchina non può comandare il cuore. Infatti il ragazzo che lei ama è Ky Markham, una Aberrazione, un individuo che la Società considera pericoloso e indegno di essere promesso a qualcuno. Un errore che proietta Cassia in una nuova dimensione di verità e conoscenza dove può comprendere le mancanze e i difetti del Sistema che governa le loro esistenze. Scoprendo dentro di sé una forza che non sapeva di possedere, Cassia si allontana da un destino già programmato e si mette in viaggio verso le estreme frontiere della nazione per ricongiungersi a Ky, che è stato rapito e portato nei campi di lavoro dove la Società confina coloro che non ritiene idonei. Il percorso di Cassia sarà duro e pieno di ostacoli, ma proprio quando ogni speranza di rivederlo sembra perduta verrà a sapere che Ky si è rifugiato tra i profondi canyon che circondano la Società, luoghi ancora inesplorati dove non c’è traccia di vita umana. È proprio tra quelle gole che la ragazza farà la scoperta che muterà la sua vita e le permetterà di capire che non tutto è perduto e che dentro quel mondo apparentemente immobile e perfetto c’è un seme di cambiamento e di libertà. Una ribellione sta montando, e Cassia sarà finalmente libera di scegliere.

Lo voglio recensire perché: ho recensito Matched qui e mi era piaciuto tantissimo. Recensirò anche Reached, ovviamente. Credo che quella della Condie sia la serie distopica migliore in assoluto, ma è anche sottovalutata, quindi mi fa particolarmente piacere parlarne bene e farla conoscere agli altri.

DA LEGGERE

non lasciarmi mai emily hainsworthNon lasciarmi mai di Emily Hainsworth

Trama: Cam non sa darsi pace, da quando Viv è morta in un incidente. Era il grande amore della sua vita, la sua ancora di salvezza da una famiglia complicata, il suo unico sostegno dopo la brutta frattura che gli aveva stroncato una carriera nel football. Un giorno, nel punto in cui Viv è morta, Cam ha una strana apparizione. Sembra un fantasma, ma è una ragazza che viene da un mondo parallelo, e si chiama Nina. In questo mondo, al tempo stesso simile e diverso da quello reale, Viv non è mai morta. Cam è al settimo cielo quando scopre che finalmente potrà riaverla. Ma questa Viv si rivela piuttosto diversa dalla sua, e poi c’è Nina che si mette di mezzo. Allora Cam si trova a dover scegliere dove e con chi stare, e deve farlo in fretta, perché il varco tra i due mondi si fa sempre più stretto…

Lo voglio leggere perché: ho letto la trama e ho pensato “MIO”. Ha tutte le carte in regola per piacermi tantissimo. Sono proprio curiosa!

Lake

Annunci

Un turbine d’amore – M. D. Grimm

26 Set

Titolo: Un turbine d’amore – I Mutaforma, Volume Secondo

Autore: M. D. Grimm

Editore: Dreamspinner Press

Prezzo: 3,99 $ (ebook)

Voto: 

Trama: Ryan e Caleb sono diventati amici mentre quest’ultimo gli insegnava a diventare umano. Nato come un toro di nome Turbine, Ryan è un mutaforma ed è stato comprato dalla madre di Caleb, che voleva proteggerlo – proprio come lo stesso Caleb. Il periodo trascorso assieme ha dato loro modo di approfondire i propri sentimenti… e li ha convinti a dare il via a una relazione. Ma quando Ryan viene rapito, Caleb si vede costretto a contattare l’Agenzia – un’organizzazione che protegge i mutaforma – perché la loro nuova vita insieme non finisca proprio sul nascere. (Dal sito dell’editore)

Recensione: Questo è il secondo volume de „I mutaforma“ di M. D. Grimm e devo dire che rispetto a Stregati, che ho recensito qui, abbiamo una storia un po’ più movimentata e soprattutto più originale. Il mutaforma Ryan è un incrocio fra un mutaforma taurino e una mucca, è nato in forma di toro e come tale ha vissuto a lungo, partecipando ai rodei e vincendo senza troppe difficoltà per via della sua intelligenza umana.

Anche questo romanzo della serie è breve – conta solo 95 pagine – ed è strutturato in modo che la storia risulti più interessante. Si apre infatti con il presente, in cui conosciamo Ryan e Caleb, il lavoro che svolgono e gli ultimi sviluppi della loro relazione. Poi si passa con un flashback abbastanza lungo al passato, e M. D. Grimm ci mette a conoscenza di come Turbine sia arrivato al ranch di un Caleb ancora adolescente, di come questi si sia affezionato al nuovo toro e di come sia nata la loro amicizia. Infine si ritorna al presente e si parte con l’azione vera e propria. La scelta dell’autrice di usare questa tecnica narrativa la trovo molto buona, è riuscita a tenere sveglio l’interesse del lettore, in questo caso il mio, e a far risultare credibile la storia d’amore fra i due protagonisti.
Anche questa volta devo ammettere, però, che il personaggio che più mi ha intrigata è Poe, che ha fatto la sua apparizione ed è rimasto più a lungo rispetto al primo volume, finalmente lasciando capire al lettore qualcosa in più sulla sua personalità e il suo modo d’agire e di pensare. Che dire? Continua a essere il mio preferito e spero proprio di poter leggere la sua storia nel prossimo volume. In più sono comparsi nuovi personaggi che promettono bene.
In generale, come per Stregati, consiglio questo libro per una leggera e piacevole lettura.

Red

Stregati – M. D. Grimm

5 Set

Titolo: Stregati – I Mutaforma, Volume Primo

Autore: M. D. Grimm

Editore: Dreamspinner Press

Prezzo: 3,99 $ (ebook)

Voto:

Trama: L’accalappiacani Derek Williams vorrebbe chiedere a Brian O’Donogue di uscire da quando il veterinario ha cominciato a lavorare nello stesso Pronto Soccorso Veterinario due anni fa. Dunque perché non ha ancora fatto la prima mossa? È una faccenda complicata… ma ha qualcosa a che vedere con il fatto che a Derek ogni tanto piace correre a quattro zampe invece che su due gambe.

In via di guarigione da una relazione brutale e anche lui in segreto possesso di abilità soprannaturali, Brian coglie l’occasione e acconsente a uscire con Derek. La relazione che ne risulta è migliore di quanto entrambi sperassero – fino a quando un mutaforma rinnegato aggredisce Brian mentre questi è intento a portare a passeggio i suoi cani. L’aggressione improvvisa costringe Derek a fronteggiare i propri sentimenti, ma il pericolo non è terminato. Il rinnegato è là fuori e sta dando loro la caccia.

Recensione: Stregati è un romanzo breve di appena 78 pagine che si legge in modo scorrevole e veloce. Sono un’amante dei licantropi e dei mutaforma, quindi non potevo fare a meno di leggerlo, ma devo ammettere che non mi ha convinta del tutto. La storia d’amore è molto dominante nella trama, e ci sta, trattandosi di un paranormal romance, ma mi sarei aspettata qualcosa in più sul lato “lupino” (così viene definito nel romanzo) della storia.

Abbiamo Derek, che è un lupo mannaro, e abbiamo Brian, che ha il potere di riuscire a comunicare con gli animali attraverso dei messaggi visivi. I due protagonisti si amano da due anni, ma non hanno mai avuto il coraggio di confessare ciò che provano per paura della reazione che l’altro avrebbe avuto una volta svelato il proprio segreto. E poi ci sono questo lupo rinnegato e Poe, un personaggio misterioso con poteri magici. Come vedete i presupposti per una buona storia ci sono tutti. L’unico problema è che la storia, secondo me, non è stata sviluppata come avrebbe potuto. Tutta la parte riguardante il branco, il rinnegato e l’uomo misterioso con i poteri magici è troppo striminzita. Dovrebbe essere la parte più interessante del romanzo, la parte che crea suspence, la parte che, se impostata bene, avrebbe potuto dare un importante spessore alla trama. Invece M. D. Grimm si limita a raccontarci qualcosa solo dopo una cinquantina di pagine, il tutto in modo frettoloso. Del branco di Derek non vediamo niente, nessun membro e nemmeno uno scambio di battute. L’unica reazione alla sua richiesta di rinforzi è l’arrivo di Poe, che in un paio di battute ci dice di appartenere a un’agenzia, senza approfondire troppo.

La storia d’amore è convincente. Questo lo ammetto. È il contorno che manca. Di questo romanzo c’è un secondo volume, che però non è la continuazione del primo, quindi le mie speranze che ciò che manca qua lo avrei potuto scoprire là sono vane.

I personaggi principali sono ben caratterizzati, i secondari sono piuttosto piatti. L’unico intrigante è Poe, che è entrato in scena in modo misterioso e allo stesso modo ne è uscito. Solo per lui, sarei disposta a leggere il secondo volume e a sperare che nel terzo M. D. Grimm decida di farlo diventare il protagonista.

Consigliato per una breve e leggera lettura sotto l’ombrellone e senza troppe pretese.

Red

Implosion – M. J. Heron

30 Ago

Titolo: Implosion

Autore: M. J. Heron

Editore: De Agostini

Prezzo: 9,90 € (cartaceo), 4,99 € (ebook)

Voto: 

Trama: Non è affatto un giorno come un altro. Il destino ha premuto il tasto on. Quando Katherine incontra Armand per la prima volta non sa che dietro le sembianze del bello e dannato si cela uno dei più potenti generali dell’Antica Stirpe dei Kurann. Non può immaginare che sarà proprio lui la sua salvezza, o la sua rovina. Armand ha un piano crudele, spietato, oscuro come le tenebre. Non è l’unico a nascondere la minaccia di un segreto inconfessabile o gli echi di un passato maledetto. Una verità agghiacciante sta per essere svelata. Nessuno può permettersi di fallire, nessuno è più al sicuro. Una sola certezza: quando supera se stesso, l’amore può uccidere. Se nulla è come sembra, come fai a scegliere la strada giusta? Un paranormal fantasy, dark e romantico al tempo stesso, in cui gli eventi si susseguono al ritmo di un thriller. (Dal sito dell’editore)

Recensione: Come avevo accennato nell’Anteprima #7, la trama mi incuriosiva perché volevo assolutamente scoprire quale fosse il segreto di Armand. In più non avevo mai sentito parlare di “paranormal fantasy” visto che per me sembra ovvio che se c’è del paranormale, allora si parla di fantasy o, più in generale, di fantastico. Avevo un sospetto e devo dire che ho avuto la conferma, Implosion è un paranormal romance 😉 Ma bando alle definizioni, abbiamo una storia d’amore, un thriller e un urban fantasy in un libro, cosa posso volere di più?

Devo dire che la storia e la trama sono ben studiate e personalmente l’ho trovata piuttosto originale. Abbiamo da una parte i “kurann”, un popolo dotato di poteri soprannaturali, molto simili a quelli dei vampiri, ma con qualcosina in più sotto certi aspetti e tante cosine in meno sotto altri. A parer mio, la Heron avrebbe potuto fare a meno di aggiungere come loro caratteristica la sete di sangue, giovando così all’intera storia. Dall’altra abbiamo gli umani, con alcuni esemplari davvero perfidi che potrebbero fare concorrenza ai mostri peggiori.

Si tratta di un romanzo “corale”, ossia la storia ci viene raccontata dal punto di vista di diversi personaggi, spostandoci per la maggior parte da quello di Katherine a quello di Adam, del padre di Katherine e del prigioniero (non faccio nomi per non spoilerare). Perfino i personaggi secondari entrano in scena e ci raccontano quello che succede loro. Il cambio del punto di vista è ben gestito dall’autrice, che dimostra di padroneggiare la tecnica piuttosto bene, anche se a volte si perde in infodump troppo lunghi e le sfuggono piccole cosette che fan sì che il lettore si accorga di avere davanti il romanzo di un’autrice piuttosto giovane nell’ambito della scrittura.

Resta comunque un romanzo molto piacevole da leggere, con scene delicate e commoventi che si interpongono a scene veramente crude, soprattutto quelle riguardanti il laboratorio. Mi piace come Heron è riuscita a gestire la trama, che a ben vedere, non è per niente semplice, bensí abbastanza articolata e ben strutturata, in modo da non diventare quasi mai noiosa.

Lettura intrigante anche se a volte un po’ troppo melensa. Ma qui si parla di gusti.

Red

Anteprima #8

21 Ago

IN LETTURA

Il battello del delirio, di George R. R. Martin

Trama: Fiume Mississippi, 1857: una serie di incidenti e la morsa del rigidissimo inverno hanno distrutto la flotta commerciale del burbero Capitano Abner Marsh. Senza assicurazione il vecchio armatore si ritrova solo, in bancarotta, disperato, ma Joshua York, un facoltoso forestiero, è disposto a rilevare la metà delle quote della compagnia e a fornire il capitale per costruire il battello più lussuoso mai esistito. Due sole le condizioni poste dallo straniero: mai disturbare lui e i suoi amici durante il giorno e rispettare le eventuali deviazioni di rotta richieste. Il Fevre Dream nuovo gioiello del fiume, inizia così il suo viaggio, ma il Capitano diventa ogni giorno più sospettoso e decide di andare in fondo al mistero che avvolge il suo socio e…

Cosa ne penso per ora: È un romanzo scritto bene, Martin ha uno stile quasi impeccabile e le descrizioni dei battelli, delle città e del resto, seppure lunghe e dettagliate, non risultano mai noiose. Per ora ho un’ottima opinione del romanzo.

DA RECENSIRE

Stregati, di M. D. Grimm

Trama: L’accalappiacani Derek Williams vorrebbe chiedere a Brian O’Donogue di uscire da quando il veterinario ha cominciato a lavorare nello stesso Pronto Soccorso Veterinario due anni fa. Dunque perché non ha ancora fatto la prima mossa? È una faccenda complicata… ma ha qualcosa a che vedere con il fatto che a Derek ogni tanto piace correre a quattro zampe invece che su due gambe.

In via di guarigione da una relazione brutale e anche lui in segreto possesso di abilità soprannaturali, Brian coglie l’occasione e acconsente a uscire con Derek. La relazione che ne risulta è migliore di quanto entrambi sperassero – fino a quando un mutaforma rinnegato aggredisce Brian mentre questi è intento a portare a passeggio i suoi cani. L’aggressione improvvisa costringe Derek a fronteggiare i propri sentimenti, ma il pericolo non è terminato. Il rinnegato è là fuori e sta dando loro la caccia.

Lo voglio recensire perché: è un libro che volevo leggere da molto tempo, che ha come protagonista un mutaforma (licantropo) e da cui mi aspettavo molto. Mi ha un po’ delusa, però, e nella recensione voglio dire il perché.

DA LEGGERE

Wolf, di Laura Locatelli

Trama:  L’uomo aspettava. Aspettava e lucidava la canna di un fucile.
Perché ci sono lupi molto più pericolosi di quelli veri.

Lo voglio leggere perché: So che la trama riportata dal sito è brevissima, ma io la trovo intrigante. D’altra parte si tratta di un racconto e non di un romanzo, immagino che una trama più lunga avrebbe spoilerato troppo.

Red

Caccia a Seth – J. R. Loveless Recensione in ANTEPRIMA

9 Ago

Titolo: Caccia a Seth

Autore: J. R. Loveless

Editore: Dreamspinner Press

Prezzo: 6,99 $ (ebook)

Voto: 

Trama: Il veterinario Seth Davies arriva a Senaka, nel Wyoming, alla ricerca di tranquillità e di anonimato, per tentare di fuggire dal proprio passato. Da sempre è stato una calamita per i guai e per il dolore, e ha avuto buone dosi di entrambi. Kasey Whitedove lo condanna a prima vista. È convinto che nessun uomo bianco potrebbe amare gli animali nel modo in cui la maggior parte del popolo Cheyenne si aspetterebbe, così rende i primi giorni di Seth a Senaka un vero incubo.

Tuttavia un incidente pone Kasey nella difficile posizione di dover mettere da parte l’orgoglio e di desiderare ardentemente Seth, nonostante i pericoli della sua vita da licantropo e i pesanti segreti dell’altro uomo. Per Kasey, dare la caccia a Seth e tenerlo al sicuro dal suo passato è appena diventata la priorità. (Dal sito dell’editore)

Recensione: Ho divorato questo libro in meno di un giorno e devo dire che mi è piaciuto molto. La storia prende sin dalle prime righe e non sono riuscita a staccarmene fino all’ultima pagina. Da amante dei licantropi devo dire che il tema è stato trattato abbastanza bene. Nel libro si parla di mutaforma quindi non dei più conosciuti lupi mannari che si trasformano solo nelle notti di luna piena, ma di quei licantropi in grado di cambiare forma da umano a lupo e viceversa a piacimento. Si tratta di un mito molto diffuso fra le popolazioni indigene dell’America, in questo caso parliamo dei Cheyenne.

Il libro ha molti punti forti, a partire dalla trama che intriga e dalla capacità della scrittrice di trarre in inganno il lettore per poi sorprenderlo alla fine con una scoperta che non poteva essere prevista ma che era stata accennata durante la storia, così da far risultare credibile il tutto.

Un altro punto forte sono le reazioni di Seth quando gli vengono rivelati alcuni fatti di cui non era a conoscenza. Una reazione realistica, non di quelle in cui il protagonista perdona tutto e tutti in nome dell’amore e dell’amicizia e in un batter d’occhio. È una cosa che ho apprezzato molto.

I personaggi sono ben caratterizzati, l’unico che soffre un po’ di poca personalità è la segretaria di Seth, che ha una parte secondaria nel libro ma che rispetto agli altri personaggi non protagonisti risulta più sbiadita. Tutti gli altri sono molto ben riusciti, in particolar modo Kasey, Seth, Nick, Jeremiah, e perfino Taggart (questo “perfino” lo capirete solo una volta letto il libro per intero, non posso aggiungere niente qui altrimenti rischio di spoilerare troppo).

Una piccola nota negativa però c’è, almeno per quanto riguarda ciò che mi aspetto da una storia con licantropi, mutaforma o “normali” lupi mannari che siano. I vestiti dei mutaforma non si strappano mentre si trasformano. Quindi non c’è bisogno di spogliarsi prima dell’imminente mutazione da uomo in lupo e al ritorno alla forma umana, si ritrovano già belli e vestiti. So che così la cosa diventa più facile da gestire per l’autrice, ma è una scelta che non condivido. I vestiti non fanno parte del corpo, e non vedo come possano mutare nel momento in cui invece di un umano entra in scena il lupo. Diventano pelliccia? Spariscono per magia e poi ritornano?

Ciò non toglie niente però alla validità e alla bontà della trama, per cui vi consiglio la lettura di questo libro e aspetto che J. R. Loveless pubblichi il secondo volume, in cui il protagonista sarà il fratello di Kasey, Thayne. E posso già dirvi che sarà di sicuro interessante, visto come si sono messe le cose nel primo volume 😉

L’uscita di Caccia a Seth è prevista per il 13 agosto 2013, non perdetevelo!

Red

Warm Bodies, L’amore prende vita – Isaac Marion

29 Lug

Titolo: Warm Bodies – L’amore prende vita

Autore: Isaac Marion

Editore: Fazi Editore (Lain)

Prezzo: 14,50 € (cartaceo), 4,99 € (ebook)

Voto:

Trama: R è un ragazzo in piena crisi esistenziale: è uno zombie. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, ma nutre molti sogni. La sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, ma dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un giorno, mentre ne divora il cervello, R assaggia i ricordi di un ragazzo. Di lì a poco, per lui cambierà ogni cosa; intreccia una relazione con la ragazza della sua vittima, Julie, e sarà per lui un’esplosione di colori nel paesaggio grigio e monotono che lo circonda. Perché l’amore per lei lo trasformerà in un uomo (e in un morto) diverso, più combattivo e consapevole. Di qui avranno inizio una guerra feroce contro i suoi compagni d’un tempo e una rinascita dalle conseguenze inimmaginabili. (Dal sito dell’editore)

Recensione: Non sono mai stata una grande amante dei libri con gli zombie. Gli unici di cui ho letto qualcosa sono stati quelli di Laurell K. Hamilton e della sua saga sulla cacciatrice di vampiri, Anita Blake. Quindi è la prima volta che leggo un libro in cui so di trovare solo zombie e nessun’altra categoria di mostri. Warm Bodies è un modo gentile e divertente di approcciarsi a questo tipo di narrativa.

L’inizio del libro è un misto tra cupo e divertente. Gli zombie hanno fame, e sapete cosa mangiano, giusto? E gli zombie non pensano molto, non parlano, fanno solo strani versi. Il bello è quando uno zombie racconta di se stesso, di come ciondola mentre cammina e di come non riesce a pronunciare le parole, e lo fa con un tono tanto ironico da strappare una risatina.

All’inizio la cosa mi inquietava un po’, ma non sta bene stare a osservare uno di noi che muore. Ho preferito distrarmi con qualche lamento.

O ancora:

La maggior parte delle trasformazioni avviene per caso, ovvero se uno zombie viene ucciso mentre mangia o se viene distratto in altro modo prima che finisca quello che sta facendo: voro interruptus.

E ve ne metto un’altra, dai:

Delle urla mi svegliano. Spalanco gli occhi e sputo qualche insetto dalla bocca.

Isaac Marion dimostra di avere talento e di saper catturare il lettore. L’inizio, sebbene divertente, parte un po’ lento, ma dopo un po’ il ritmo diventa più incalzante e spesso si è costretti a continuare a leggere per sapere cosa accadrà, quali nuove cose sta per scoprire R.

I personaggi sono caratterizzati molto bene, secondo me, soprattutto R, M, Julie e i due Generali, Grigio e Rosso. Perry è un personaggio un po’ complesso, ma importante per il libro, anche se a volte si perde nei suoi sproloqui, tanto astratti quanto, a volte, profondi. Lo stesso R, pian piano, inizia ad analizzare la sua situazione e quella del mondo che lo circonda in modo sempre più attento.

Ho trovato le voci dei fantasmi che parlavano a R a volte un po’ troppo presenti e molto filosofiche, il che, devo ammettere, da un lato non mi ha infastidita particolarmente, dall’altro i loro discorsi, ogni tanto, erano tirati un po’ troppo per le lunghe. Immagino, però, sia questioni di gusti.

Mi piace come è stato strutturato il romanzo. È diviso in tre passi: Primo passo: volere; Secondo passo: prendere; Terzo passo: vivere.

Questi tre passi spiegano molto su come si evolve il romanzo e soprattutto su cosa si deve fare se si vuole raggiungere la meta.

Un’altra cosa che mi è piaciuta è stata la lunga riflessione, seminata qua e là fra le pagine, sui ricordi e sul ricordare il passato in generale. Questo argomento svolge un ruolo molto importante nel romanzo. Passato-presentefuturo (non è un errore di battitura) sono alla base di tutti i pensieri dei protagonisti. Com’era il passato? Perché il presente è così? Ci sarà un futuro?

Un altro piccolo punto negativo è che alla fine dei conti non ho capito come si siano creati gli zombie. Marion ci dà degli indizi, ma non ci dà risposte certe.

È un romanzo che ho letto con piacere, che mi ha fatto immaginare un mondo disastrato e senza speranza e mi ha fatto vedere la scintilla che sarà in grado di cambiarlo.

Aggiungo un’ultima cosa: ho apprezzato molto le immagini che separano i capitoli all’interno dei tre passi. Parti del corpo umano, muscoli, tendini, crani e altre simili.

Consigliato!

Red

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: